AttualitàDiritti UmaniPrimo Piano

Al-Hol, la “Guantanamo per i bambini”

I Paesi dell’Europa occidentale sono stati accusati di essere complici della creazione di una “Guantanamo per i bambini” nei campi per le famiglie di sospetti militanti ad Al-Hol in Siria. In un rapporto pubblicato da Rights and Security International (Rsi), un gruppo di difesa dei diritti con sede a Londra, ha descritto le condizioni “violente, antigieniche e disumane” nei campi che avevano portato alla morte di centinaia di bambini e neonati.

Il rapporto afferma che la continua detenzione di decine di migliaia di donne e bambini nei campi di Al-Hol e Al-Roj controllati dai curdi equivale a detenzione illegale e arbitraria in cui i Paesi occidentali sono “direttamente implicati”.

I detenuti sono stati sottoposti a “trattamenti disumani e degradanti” per mano delle Forze democratiche siriane (Sdf) e a “rischi estremi e traumi” che possono equivalere a tortura secondo il diritto internazionale, afferma Rsi.

I detenuti riferiscono di aggressioni violente da parte sia delle guardie Sdf che di altre donne all’interno dei campi. “L’Rsi ha ricevuto numerose segnalazioni di percosse, abusi verbali e comportamenti coercitivi da parte delle autorità del campo”, osserva il rapporto.

Disumanità ad Al-Hol

Alcune madri hanno descritto di essere state confinate in minuscole celle con i loro bambini neonati per diverse settimane. Altre hanno affermato di essere state separate da bambini, compresa una madre separata da un bambino che stava ancora allattando.

Abdulkarim Omar, portavoce per gli Affari esteri dell’amministrazione curda nel nord-est della Siria, ha dichiarato a Middle East Eye (Mee) che le autorità della regione non hanno le risorse per gestire efficacemente i campi e hanno ammesso che “potrebbero essere stati commessi errori”.

Il rapporto solleva preoccupazioni anche per la violenza sessuale e lo sfruttamento all’interno dei campi, osservando che i rapporti di gravidanza in un annesso ad Al-Hol dove non sono stati detenuti uomini adulti “aumentano la realistica probabilità di sfruttamento sessuale da parte dei membri delle Sdf”.

Yasmine Ahmed, direttore esecutivo di Rsi, ha affermato che il continuo rifiuto della maggior parte dei Paesi europei di rimpatriare i propri cittadini li ha lasciati bloccati in condizioni in cui i bambini “muoiono abitualmente”.

Rsi stima che ci siano 642 bambini europei attualmente detenuti nei campi. Il rapporto si basa su testimonianze e prove raccolte durante le visite ad Al-Hol e Al-Roj.

Ad Al-Hol bambini prime vittime

Secondo Medicins San Frontieres, almeno 371 bambini sono morti nel campo principale di Al-Hol nel 2019. Almeno 70 bambini sono morti quest’anno. Molti di questi decessi sono stati dovuti a condizioni prevenibili e curabili come polmonite, disidratazione e malnutrizione, mentre altri bambini ad Al-Hol sono morti per ferite da arma da fuoco, negli incendi delle tende e per avvelenamento da monossido di carbonio.

La maggior parte dei governi occidentali si è rifiutata di rimpatriare i propri cittadini perché non dispone di servizi consolari in Siria e per presunti problemi di sicurezza. Alcuni hanno chiesto che i cittadini stranieri accusati di legami con Daesh siano processati a livello locale.

Gli attivisti affermano che i governi non sono sinceri sulla portata dei loro contatti con le autorità curde. Indicano il rimpatrio ad hoc degli orfani, la presenza sul campo di Ong e giornalisti e le visite nella regione di inviati occidentali come prova che hanno la capacità – ma non la volontà politica – di riportare a casa i loro cittadini.

Alcuni Paesi hanno affermato che accetteranno bambini ma non detenuti adulti. Le autorità curde hanno rifiutato queste richieste e gli attivisti affermano che separare i bambini dalle loro cure primarie violerebbe i loro diritti umani. Alcuni bambini sono stati rimpatriati con il consenso della madre.

Complicità occidentale

Le cifre seguenti sono stime basate su dati ufficiali, dati forniti da gruppi di ricerca.

Australia: otto orfani rimpatriati nel giugno 2019. Circa 20 donne e 48 bambini rimangono nei campi e 12 uomini nelle carceri.
Belgio: sei orfani rimpatriati nel giugno 2019. Sei donne e 10 bambini sono stati rimpatriati nel luglio 2021. Fino a 15 uomini, sei donne e 7 bambini sono ancora detenuti.
Canada: un orfano rimpatriato nell’ottobre 2020. Otto uomini, 13 donne e 26 bambini ancora detenuti.
Danimarca: due orfani rimpatriati. 12 cittadini danesi e 30 bambini ancora detenuti.
Francia: 28 bambini rimpatriati. Circa 450 cittadini francesi, tra cui circa 270 bambini, sono ancora detenuti. Diversi cittadini francesi inviati in Iraq e condannati a morte.

Germania: quattro bambini sono stati rimpatriati nell’agosto 2019 e una madre e tre bambini sono stati rimpatriati nel novembre 2019. Circa 50 uomini, 50 donne e 150 bambini sono ancora detenuti.
Paesi Bassi: due orfani sono stati rimpatriati. La Corte suprema olandese ha stabilito a giugno che il governo non è obbligato a rimpatriare 23 donne e 56 bambini ancora detenuti. Almeno 13 uomini olandesi sono detenuti.
Svezia: sette fratelli orfani sono stati rimpatriati nel maggio 2019. Circa 40 adulti e 50 bambini sono ancora detenuti.

Regno Unito: quattro bambini sono stati rimpatriati. Circa 26 uomini e donne e 60 bambini sono ancora detenuti. Molti cittadini con doppia cittadinanza in Siria sono stati privati ​​della cittadinanza britannica.
Usa: Washington ha chiesto il rimpatrio di tutti i cittadini stranieri e si è offerta di aiutare i Paesi a riprendere i propri cittadini. Tutti i 27 americani noti per essere stati in custodia curda sono stati rimpatriati.

Le mani sporche di sangue dell’Occidente

“È più che chiudere un occhio. Questi Stati si stanno impegnando attivamente in una politica che sta lasciando queste persone in terribili condizioni al di fuori della legge. Lo stanno facendo attivamente perché hanno detto che il loro approccio alla sicurezza è di lasciarli lì”, ha dichiarato Ahmed a Mee. “Questa è una politica strategica. È un’aberrazione morale avere una politica strategica che lascia morire la maggior parte dei bambini in un campo di detenzione.

di Yahya Sorbello

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi