Medio Oriente

Ahmad Shah Massoud: eroe della Resistenza afgana

Sono trascorsi 18 anni dall’assassinio di Ahmad Shah Massoud, il “Leone del Panjshir”, simbolo della Resistenza in Afghanistan. Per le strade di Kabul il suo viso è uno spettacolo familiare. Il suo volto barbuto è ovunque, dai parabrezza delle auto ai panifici. Massoud combatté contro l’occupazione sovietica dell’Afghanistan negli anni ’80. Con l’emergere di un nuovo nemico, i Talebani, Massoud stabilì una base militare nel Panjshir e combatté i terroristi fino alla sua morte.

https://www.youtube.com/watch?v=_4EPQGMusA8

Il 9 settembre 2001, Massoud fu assassinato durante un’intervista con due giornalisti che si rivelarono essere membri di al-Qaeda sotto mentite spoglie. I presunti giornalisti avevano nascosto esplosivo nella telecamera. A 18 anni dal suo assassinio, gli afgani ricordano Massoud come un eroe nazionale e un simbolo di Resistenza contro ogni imperialismo, il cui retaggio sopravviverà.

Afghanistan dopo Ahmad Shah Massoud

A 18 anni dall’intervento Usa, in Afghanistan la situazione è sempre più disastrosa, con un Governo impotente, il Paese fuori controllo e sempre nuovi attori regionali risucchiati in una crisi senza fine. L’aggressione militare dell’Occidente ha causato solo sofferenze indicibili per la popolazione.

Attualmente, la debole coalizione al Governo fra Ashraf Ghani e Abdullah Abdullah si regge a stento, schiacciata fra insorgenza talebana, trafficanti e signori della guerra che controllano le province, e dai maneggi delle potenze che si scontrano in Afghanistan per l’egemonia nel quadrante.

Una situazione totalmente destabilizzata, un vuoto che inevitabilmente attira i vicini; Pakistan, Cina, India e Russia vengono coinvolti in un inestricabile gioco di alleanze e contrapposizioni. Un gioco che diviene sempre più complesso, di pari passo all’indebolirsi del Governo di Kabul, sempre meno rappresentativo e più marionetta dei giochi altrui.

Per spiegare la trama degli interessi che si scontrano in Afghanistan servirebbero libri e tanta voglia d’inseguire un argomento ostico, ma è necessario accennare, sia pure assai sommariamente, agli scopi degli attori principali che si muovono nel Paese dopo (diremmo a causa) l’intervento Usa.

di Giovanni Sorbello

Tags
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi