Africa alla ricerca del suo futuro: Nigeria e Camerun

Visualizzazioni : 20

Africa – La balcanizzazione è un termine geopolitico indicante una situazione interna instabile e condizionata da continue disgregazioni e problemi che causano la frammentazione dello Stato. E’ una definizione che ben si adatta a due Paesi dell’Africa occidentale: la Nigeria e il Camerun, dove le eredità del colonialismo devono essere superate per favorire lo sviluppo regionale.

NigeriaIl caso della Nigeria

Il Presidente Muhammadu Buhari della Repubblica Federale della Nigeria ha presentato la sua candidatura a nome del Congresso per il Cambiamento Progressista per la rielezione nel 2019. Quando Buhari è entrato in carica nel 2015, ha dichiarato che il gruppo terroristico di Boko Haram sarebbe stato sconfitto entro sei mesi. Nondimeno, la violenza nel nord-est è continuata durante tutto il mandato della sua presidenza. Un quartier generale della task force anti-terrorismo a Baga nello stato di Borno è stato invaso da combattenti armati alla fine di dicembre.

Anche se Boko Haram si è diviso in due fazioni identificabili in cui si è alleati con lo “Stato islamico” dell’Africa occidentale, la capacità del gruppo di utilizzare la forza letale è rimasta un fattore destabilizzante nel nord-est, una delle regioni più sottosviluppate all’interno di questo Stato africano ricco di petrolio, che ha la più grande popolazione del continente. La questione della sicurezza interna è una questione importante sollevata dai partiti di opposizione che cercano di sconfiggere Buhari alle elezioni nazionali.

Il drastico calo dei prezzi del petrolio e il crollo delle esportazioni di petrolio verso gli Stati Uniti hanno avuto un impatto devastante sull’economia nazionale a partire dal 2015. Dopo l’assunzione della carica da parte dell’attuale presidente Donald Trump, le relazioni tra Abuja e Washington sono migliorate dove la ripresa delle vendite di equipaggiamento militare in Nigeria sono state fatte sotto la logica del rafforzamento della capacità del Paese di sconfiggere Boko Haram.

Ciò che spesso viene trascurato a livello internazionale è la repressione contro il Movimento islamico della Nigeria (Imn), un gruppo basato sullo sciismo. Il leader dell’Imn, Sheikh Ibrahim Zakzaky e sua moglie restano in carcere in Nigeria nonostante un ordine del tribunale che imponga il loro rilascio. L’Imn afferma che migliaia di suoi membri sono stati uccisi e imprigionati dalle autorità nigeriane. Le dimostrazioni che chiedono il rilascio del loro leader sono state represse nel sangue.

La Nigeria dipende ancora in gran parte dalle entrate in valuta estera generate dalla vendita di petrolio sul mercato internazionale, che negli ultimi anni si è spostato verso nazioni asiatiche come la Cina e l’India. Attraverso la produzione di petrolio e gas naturale c’è stata una crescita del movimento sindacale, che sta avanzando richieste per l’aumento del salario minimo e migliori condizioni di lavoro.

Sfortunatamente, la Nigeria rimane uno Stato capitalista in cui gli interessi di lavoratori, agricoltori e giovani non sono una priorità per la borghesia nazionale. Le donne hanno fatto passi da gigante nel campo professionale e imprenditoriale. Tuttavia, c’è molto da lavorare per quanto riguarda la creazione di una società autenticamente democratica pronta a prendere il suo giusto posto negli sforzi per trasformare l’Africa in una potenza industriale da non sottovalutare a livello internazionale.

Il caso del Camerun

Nel vicino Camerun, l’ex colonia tedesca, britannica e francese, non è solo afflitta dal terrorismo di Boko Haram. Le questioni irrisolte tra le regioni di lingua francese e inglese sono diventate politicizzate fino al punto dell’insurrezione armata.

Un movimento di guerriglia anglofono che chiede l’indipendenza di Ambazonia, una nazione non riconosciuta e scolpita nelle regioni sud-occidentali e nord-occidentali del Paese (denominata Camerun meridionale), ha provocato attacchi di alto profilo contro i civili e il rapimento di studenti. La rielezione del presidente di lunga data Paul Biya ha generato tensioni poiché l’urgenza di una possibile disgregazione di questo Stato produttore di petrolio non viene affrontata adeguatamente dalla leadership nazionale.

Questo tipo di divisioni all’interno del Camerun solleva lo spettro di un ancor più profondo intervento del Pentagono e della Nato sotto la rubrica dell’antiterrorismo e della presunta stabilizzazione della regione dell’Africa occidentale. Il Comando Africa degli Stati Uniti (Africom) è fortemente coinvolto nell’Africa occidentale che svolge esercitazioni militari annuali in collaborazione con membri della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale.

Le eredità del colonialismo devono essere superate per favorire lo sviluppo regionale

L’Africa occidentale è un’area geopolitica strategica vitale per il sistema economico mondiale grazie alle sue vaste risorse energetiche, al potenziale agricolo e alla vicinanza all’Oceano Atlantico.La dipendenza dall’Occidente per la determinazione dei prezzi delle materie prime e delle preferenze legate al commercio con gli Stati africani rappresenta un grave ostacolo all’effettiva sovranità e unificazione del continente. Fino a quando queste sfide non saranno affrontate su base continentale non ci potrà essere alcuna sicurezza reale contro le minacce che emergono da elementi sia interni che esterni.

Non vi è alcuna base storica per la dipendenza da Africom e dalla Nato in relazione alla fornitura di hardware militare, addestramento delle truppe e stazionamento di soldati occidentali in Africa. Gli esempi abbondano attraverso le recenti esperienze di Libia, Costa d’Avorio, Egitto e Somalia, che confutano qualsiasi risultato positivo per il militarismo imperialista nel continente.

di Cristina Amoroso

lascia un commento

IlFaroSulMondo.it usa i cookies, anche di terze parti. Ti invitiamo a dare il consenso così da proseguire al meglio con una navigazione ottimizzata. maggiori informazioni

Le attuali impostazioni permettono l'utilizzo dei cookies al fine di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui ad utilizzare questo sito web senza cambiare le tue impostazioni dei cookies o cliccando "OK, accetto" nel banner in basso ne acconsenterai l'utilizzo.

Chiudi